7 luglio 2015
Senza titolo-1

 

Numeri che fanno ben sperare in una ripresa del settore quelli emersi dall’ultima edizione di Pitti Bimbo 81. Questa edizione con le collezioni baby dell’estate 2016 si è chiusa alla Fortezza da Basso lasciando una scia di positività e fiducia per la moda junior italiana e internazionale.

simonettapittiokStand Simonetta

Oltre 5.600 buyer , 10.000 i visitatori totali. Cifre che danno la prospettiva di una buona tenuta soprattutto dei consumi interni, tornati a crescere. Inevitabile, causa sanzioni europee, il calo della presenza russa, storicamente e numericamente un mercato importante per la moda bimbo, ma contemporaneamente si è assistito alla crescita di mercati alternativi, prima fra tutti la Spagna, seguita comunque da Russia, Germania, Francia, Turchia e Gran Bretagna.

tuc tucSfilata Tuc Tuc

Proprio per la Spagna sulle passerelle del Pitti Bimbo hanno sfilato i marchi spagnoli Desigual, Boboli, Barcarola, Bóboli, Mayoral, CND by Cóndor, Losan, Tuc Tuc e Pan con Chocolate. L’aria che si respira è originale, allegra, colorata, carica di creatività.

gufo 1

Stand Il Gufo

Tra gli italiani come sempre spicca Il Gufo con una sfilata ispirata alla natura, con capi raffinati ed eleganti sempre volti alla qualità dei filati e dei tagli.

gufo 2Sfilata Il Gufo 

TWIN-SET ha presentato una collezione dall’aria un po’ garçonne. I tessuti scelti sono organze, creponne e georgette abbinati a popeline, bull ed ecopelle colorata. Le nuances sono calde, del color del miele, fresche e solari, privilegiando toni caldi e mielati.
Ermanno Scervino preferisce invece le suggestioni 90’s e marinière. Ospite d’onore per questa edizione, la First Lady Agnese Landini Renzi, madrina del progetto charity MiaDi/Meyer, che riunisce i genitori di alcuni piccoli curati dall’Ospedale Pediatrico Meyer e si pone l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della struttura ospedaliera.

20150627_121424

Stand Paolo Pecora

Written by Nadia