Magna

Magna! Era l’incipit della mail con cui sono stata invitata ad assistere a questa mostra e non sono dovuta andare molto in là con la lettura, per decide di andare a farci un salto e vedere di cosa si trattasse.

Magna
E’ inutile che pensate subito a male…non ci sono andata solo perché si “magna” che in napoletano significa mangiare, quello che mi ha convinta è stata la frase di invito sul manifesto: “vieni a scoprire la cucina più antica del mondo”!

Magna

Effettivamente è la prima volta che in Italia viene organizzata una particolare mostra interattiva che affronta il tema dell’agricoltura e della gastronomia napoletana. Ha aperto le porte al pubblico il 13 Ottobre e andrà avanti fino al 10 Gennaio 2016.

Magna
Avete quindi tutto il tempo per fare un salto nel complesso Monumentale di San Domenico Maggiore a Napoli (Vico San Domenico Maggiore, 18) per la rassegna sulla cucina più antica al Mondo.

Io non mi sono lasciata sfuggire l’occasione di esserci!
Nonostante sia una mostra con un approccio multidisciplinare: agronomi, agricoltori, genetisti, antropologi, chimici, sociologi, cuochi e gastronomi, ha un carattere gioioso che coniuga un elevato profilo scientifico con i piaceri del piatto.
E’ una mostra aperta a tutti e si ha la possibilità di guardare ascoltare, toccare, annusare e assaggiare.

Magna
È stato allestito un ricchissimo calendario di eventi. Dai weekend degustativi alle serate musicali. Dalle presentazioni di libri ai convegni ed agli incontri culinari. Fino alle mostre personali di grandi artisti contemporanei che si occupano di “food” come Tatafiore e Dalisi.

Magna
Terminata la mostra però, qualcosa mi ha lasciato un po’ di amaro in bocca. Avrei voluto vedere di più perché il panorama enogastronomico napoletano è molto più ampio di quello che è stato mostrato…

Magna

Rosa Marchetti

Written by Nadia